Categoria: Movimento Trieste Libera

Sulla Legge di Bilancio, pensioni e “quota 100”

Riporto in toto uno studio minuzioso di Roberto Brambilla sulle nuove regole contenute nel maxiemendamento alla Legge di Bilancio 2019.

Un articolo che illustra il nuovo sistema assistenziale introdotto per legge ma già diffuso da decenni dai governi d’ispirazione comunista; ora, con la nuova Legge, si è aggiunta la pretesa che questa, creerebbe “posti di lavoro”. La sciagurata logica statalista dei “penta stellati”, mirata a ingigantire il debito pubblico a tutti i costi, è uno scriteriato pretesto politico e non una misura utile al mondo del lavoro; altro che meritocrazia e senso del dovere! Il futuro dei nostri giovani (se l’avranno) sembra già fatalmente compromesso.

 

Editoriale di Roberto Brambilla, Presidente Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali, su il punto Pensioni & Lavoro del 20.12.2018. Inserto sul giornale di gennaio 2019 n° 27 di PersoneSocietà – della Confartigianato ANAP di Roma.

Nel nostro paese, nel 2018, sono in pagamento circa 23 milioni di prestazioni pensionistiche, di cui beneficiano circa 16 milioni di pensionati, il che vuol dire che ogni pensionato percepisce 1,433 pensioni (quasi un assegno pensionistico e mezzo a testa). Sul totale delle prestazioni in pagamento poco più di 8 milioni (il 35%) sono pari a 1 il minimo (circa 508 euro al mese per 13 mensilità): di queste, quasi 6 milioni (il 75%) sono totalmente (circa 2 milioni) o parzialmente (4 milioni) assistite e finanziate dallo Stato attraverso la fiscalità generale (cioè, nella pratica, da chi paga le imposte). Tra 2 e 3 volte il minimo ci sono altre 10,65 milioni di pensioni (il 46%); da 3 a 4 volte il minimo ce ne sono altre 2 milioni; in totale fanno 20,62 milioni su 23 milioni totali (90%).
Per avere una pensione al minimo bastano 15 anni di versamenti contributivi su un normale stipendio contrattuale. Significa quindi che in 66 anni di vita questo 75% di pensionati non ha versato nemmeno questi contributi e non ha pagato quindi un euro di tasse; pochi contributi e imposte anche per quelli fino a 2 volte il minimo. Si tratta di un numero di pensioni molto alto se si pensa che nei paesi Ocse il tasso fisiologico dei soggetti “sfortunati” per motivi psicofisici o dipendenti da eventi particolari non supera il 10/12% degli aventi diritto.
In questi paesi i controlli fiscali contribuiscono, peraltro, a contenere questo fenomeno eliminando gran parte delle elusioni fiscali e contributive e riducendo il livello di economia illegale, che Istat stima per l’Italia pari al 13% del PIL (210 miliardi di euro circa). Secondo altre istituzioni, questo valore potrebbe arrivare addirittura fino al 25% del PIL. Con il maxiemendamento alla legge di bilancio per il 2019, è stata proposta una modifica al meccanismo di indicizzazione delle pensioni che prevede la rivalutazione completa solo per i trattamenti fino a tre volte il minimo. Il governo del cambiamento ha proposto una delle peggiori e bizantine indicizzazioni in termini di equità: rivalutazione del 100% dell’inflazione (1,1% l’incremento sulle pensioni per il 2019) per il 18,67 milioni di pensioni fino a 3 volte il minino (1.524 euro lordi) di cui, come abbiamo visto, un terzo sono totalmente o parzialmente assistite. I percettori di queste prestazioni fanno parte del 44,92% di italiani che in totale pagano solo il 2,8% dell’Irpef totale (cioè nulla). Sulle pensioni frutto di contributi realmente versati, i più fortunati sono quelli che prendono tra 4 e 5 volte il minimo, la cui pensione verrà rivalutata non per scaglioni (come avviene per la progressività fiscale) ma sull’intero importo al 52% tra 5 e 6 volte il minimo, al 47% tra 6 e 8 volte, al 45% tra 8 e 9 volte, e al 40% oltre le 9 volte; in pratica metà inflazione. Questi pensionati rientrano nel “club” del 4,36% di contribuenti che versano il 36,52% di tutta l’Irpef; aggiungendo anche i pensionati tra 4 e 5 volte il minimo, la cui rivalutazione è pari al 77% dell’inflazione, si arriva al 12,09% di contribuenti che però versano il 57,11% di tutta l’Irpef. Supponendo un’inflazione media dell’1,1% e un periodo di fruizione della pensione di 20 anni, la riduzione dell’indicizzazione 2019 al 50% è pari a una decurtazione del potere d’acquisto di 0,5% l’anno che, capitalizzata, porta la riduzione a fine periodo a oltre il 12%. A questa perdita si assommano quelle del biennio successivo.
Ma la guerra ai pensionati non finisce qui; infatti per quanti percepiscono assegni superiori a 100.000 euro lordi l’anno (circa 60 mila euro netti l’anno, non proprio dei nababbi) è pure previsto, per la durata di 5 anni, un taglio lineare delle pensioni (si veda tabella 1). «L’operazione è stata presentata come una riduzione della parte di pensione non coperta da contributi – puntualizza Brambilla – ma in realtà come evidenziato dall’Approfondimento a cura del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali sul ricalcolo delle pensioni oltre i 4.500 euro netti al mese, è un taglio senza alcuna logica. Infatti, le pensioni maggiormente avvantaggiate dal metodo retributivo, come dimostrato anche da uno studio di Stefano Patriarca, sono quelle intermedie fino a 3.500 euro. Stiamo cioè parlando di pensionati che fanno parte di quel 4,36% di contribuenti che mantengono il restante 46% della popolazione (a proposito, per quest’ultimo gruppo, con riferimento ai costi della sola sanità, occorrono circa 50 miliardi l’anno a carico di redditi e pensioni definite dai gialloverdi “d’oro”)».
Infine, se è vero che oltre il 60% delle prestazioni assistenziali che godono della rivalutazione totale e potrebbero addirittura beneficiare dell’incremento relativo alle cosiddette “pensioni di cittadinanza”, sono pagate al Sud, lo è altrettanto che circa il 70% delle pensioni tagliate e poco indicizzate stanno al Nord. Il grosso rischio della “guerra delle pensioni” e delle pensioni di cittadinanza, è quello di aumentare le pensioni basse e assistenziali, i cui maggiori beneficiare sono spesso “furbi”, elusori ed evasori, persone che sfruttano il lavoro nero e foraggiano l’economia illegale. Anziché premiare il senso del dovere, dello Stato e il merito, assistiamo a un trasferimento forzoso di risorse da lavoro, a assistenza e da Nord a Sud: un ottimo risultato per la Lega (ex Nord). Con un costo per la collettività e per lo sviluppo del paese, spaventoso.

Due anziani che vengono invitati ad andare a lavorare

Riforma pensionistica
Immagine tratta da lasvolta2017.com

Nelle due tabelle sottostanti; a confronto la situazione di oggi e l’ipotesi Berlusconi.

Tabella situazione pensionistica

Tabelle che confrontano la situazione di oggi e l’ipotesi Berlusconi

 

Traggo da “La voce di Trieste” un articolo sulla drammatica, quanto tenace resistenza, di questa gloriosa città per far valere i suoi diritti calpestati dai governi italiani che si sono succeduti nei vari decenni. Molto importante aprire i LINK; in particolare quello del Memorandum di partenariato-Italia-Cina.

Logo di

Segue l’articolo originale: Trieste: accordo illegittimo dell’Autorità Portuale con China Communications Construction Company (29 marzo 2019). La Voce di Trieste tratto da https://www.lavoceditrieste.net/2019/03/29/trieste-accordo-illegittimo-dellautorita-portuale-con-china-communications-construction-company

Trieste: accordo illegittimo dell’Autorità Portuale con China Communications Construction Company.

Il 26 marzo 2019 la International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T. ha inviato al Governo italiano amministratore una nota ufficiale di protesta per l’accordo firmato a Roma il 23 marzo con China Communications Construction Company – CCCC dal Presidente dell’attuale Autorità Portuale di Trieste, Zeno D’Agostino dopo la firma del Memorandum d’intesa Italia – Cina.

La nota di protesta (LINK) precisa i motivi di illegittimità assoluta dell’accordo firmato dall’Autorità Portuale, e chiede al Governo italiano amministratore di assumere i provvedimenti necessari al ripristino della legalità nella gestione del Porto Franco internazionale e del porto doganale dell’attuale Free Territory of Trieste. In caso contrario, la I.P.R. F.T.T. intende attivare tutte le difese legali necessarie.

Il Memorandum d’Intesa Italia – Cina

Il 23 marzo 2019 Italia e Cina hanno firmato a Roma il preannunciato «Memorandum d’intesa tra il Governo della Repubblica Popolare Cinese sulla collaborazione nell’ambito della Via della Seta economica e dell’Iniziativa per una Via della Seta marittima del 21° secolo» (LINK).

Le materie di cooperazione concreta previste dal Memorandum sono i trasporti, la logistica e le infrastrutture – inclusi i porti, le ferrovie e le strade – l’energia e le telecomunicazioni, anche per quanto riguarda la libertà degli investimenti e delle partecipazioni finanziarie pubblici e privati, le concessioni e gli appalti.

Le cooperazioni previste non riguardano perciò il normale flusso reciproco delle merci, ma il controllo delle infrastrutture portuali, di trasporto e di comunicazione della penisola italiana e della Sicilia che hanno valenza economica e strategica primaria per l’Europa e per gli equilibri strategici euro-atlantici e mediterranei.

I rischi strategici conseguenti sono determinati dalla debolezza politico-economica dell’Italia e dall’enorme potere di pressione che la R.P.C. può esercitare per espandere la propria sfera d’influenza economica, politica e militare oltre i limiti di equilibrio con gli U.S.A. e con la Russia. Le preoccupazioni e le contrarietà internazionali sono perciò perfettamente fondate.

La pericolosità economica e strategica concreta dell’operazione è stata infatti confermata dal contenuto di alcuni degli accordi principali firmati a Roma immediatamente dopo il Memorandum, ed in particolare da un accordo illegittimo sui collegamenti ferroviari del porto di Trieste.

Il ruolo strategico del Free Territory of Trieste

Il Governo italiano non ha infatti alcun diritto di consentire ad imprese ed investitori di Stato della R.P.C. di ottenere anche il controllo delle infrastrutture portuali e ferroviarie strategiche dell’attuale Free Territory of Trieste, dove esercita un mandato fiduciario di amministrazione civile provvisoria che gli è stato sub-affidato dai Governi degli USA e dal Regno Unito quali amministratori primari per conto del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

L’11 marzo 2019 la International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T. aveva perciò inviato al Governo italiano una prima nota ufficiale di protesta, riguardante l’inclusione illegittima del Porto Franco internazionale e del porto doganale di Trieste nelle trattative politico-economiche in corso tra Italia e Cina, riservandosi tutte le necessarie difese (LINK).

Natura e limiti giuridici del Memorandum

Il Memorandum italo-cinese del 23 marzo è stato redatto nella forma di una dichiarazione bilaterale d’intenti che non costituisce accordo internazionale da cui possano derivare diritti ed obblighi di diritto internazionale, né obblighi giuridici, finanziari o impegni, e dovrà essere interpretato in conformità con le rispettive legislazioni nazionali, con il diritto internazionale e, per quanto riguarda l’Italia, con gli obblighi derivanti dalla sua appartenenza all’Unione Europea.

Il Memorandum d’Intesa, quale atto bilaterale, e gli accordi concreti conseguenti non possono perciò coinvolgere legittimamente Paesi terzi, qual’è l’attuale Free Territory of Trieste che i Governi di Stati Uniti e Regno Unito hanno sub-affidato all’amministrazione civile provvisoria del Governo italiano ed alla difesa militare della NATO. Per questo motivo, Trieste ha anche la funzione di base navale degli U.S.A. e della NATO.

L’accordo illegale su Trieste

I limiti giuridici del Memorandum d’intesa sottoscritto dai Governi italiano e cinese sono stati violati con la firma successiva di un «Accordo di cooperazione fra Autorità di Sistema Portuale del mare Adriatico Orientale – Porti di Trieste e Monfalcone e China Communications Construction Company (CCCC)» // «Cooperation agreement between the Port System Authorities of the Eastern Adriatic Sea – Ports of Trieste and Monfalcone and China Communications Construction Company (CCCC)», che riguarda lo sviluppo ed il controllo delle ferrovie di collegamento del Porto Franco internazionale e del porto doganale di Trieste (LINK).

L’accordo è stato preparato e sottoscritto da Zeno D’Agostino, funzionario italiano imposto nel 2015 da politici del PD come Presidente dell’Autorità Portuale italiana di Trieste, che è un organo provvisorio illegittimo perché opera in sostituzione del legittimo Direttore del Porto Franco che il Governo italiano sub-amministratore ha l’obbligo di nominare in esecuzione dell’art. 18 dell’Allegato VIII del Trattato di Pace con l’Italia del 1947 (LINK).

Il Presidente dell’Autorità Portuale italiana di Trieste non aveva e non ha perciò il potere di predisporre, firmare od eseguire quel genere di accordi, e quale funzionario del Governo italiano sub-amministratore ha l’obbligo giuridico di impedire che qualsiasi Stato prenda il controllo delle infrastrutture portuali e ferroviarie dell’attuale Free Territory of Trieste e del suo Porto Franco internazionale.

L’accordo firmato da Zeno D’Agostino consentirebbe invece agli investitori di Stato della R.P.C. di assumere il controllo delle ferrovie necessarie allo sviluppo delle aree del Porto Franco internazionale delle quali essi tentano di assumere il controllo acquistando quote e beni di società private alle quali lo stesso D’Agostino garantisce concessioni a lungo termine secondo leggi portuali italiane inapplicabili a Trieste.

Zeno D’Agostino è inoltre il Presidente del consorzio COSELAG, che si prepara a vendere agli investitori di Stato della R.P.C. le aree industriali necessarie per costruire uno dei due nuovi scali ferroviari che diverrebbero di loro proprietà.

Lo stesso presidente dell’Autorità Portuale illegittima, Zeno D’Agostino, consente inoltre all’attuale sindaco del Comune di Trieste, Roberto Dipiazza, di occupare il Porto Franco Nord con interventi provatamente illegittimi per decine di milioni di euro a danno patrimoniale del Comune e dell’Autorità Portuale, che ha perciò l’obbligo giuridico di impedirli.

La legalità è divenuta necessità strategica

Si può quindi affermare che in questo modo la gestione attuale del Porto Franco internazionale del Free Territory of Trieste sub-affidato all’amministrazione civile del Governo italiano ha raggiunto in questo modo livelli di illegalità intollerabili e senza precedenti.

E che dopo l’accordo illegittimo firmato il 23 marzo tra Zeno d’Agostino ed investitori di Stato della R.P.C. il ripristino della legalità nell’attuale Free Territory of Trieste è divenuto una necessità strategica di rilievo internazionale.

I.L.

 

Sul Memorandun d’intesa Italia-Cina pesano come un macigno tre fatti: 1°) La totale disinformazione riservata ai cittadini; 2°) La fretta dimostrata nel voler concludere un accordo di dubbia convenienza per un’urgenza solo politica dei penta stellati; 3°) Il Memorandun, detto in modo esplicito, è un tentativo, neppure troppo velato, di intromettersi nei settori chiave (comunicazioni, ferrovie, porti e aeroporti e ben altro) del nostro indebitato paese, con la RPC che spinge a tutto vapore per espandersi, forte del suo enorme potere economico-politico.

La Cina conta circa un miliardo e 400 milioni di abitanti e un bisogno insaziabile di energia ma soprattutto di super-tecnologie per produrre lavoro, per cui deve investire in altri paesi per acquisire territori, scambi e “materiale umano”. Si tratta di un progetto difficile da sviluppare, particolarmente in Europa, per il modello di mercato RPC non libero ma sotto il super-controllo del governo comunista. È una questione molto complessa, che va esaminata e discussa con la nuova Europa nascente, in modo aperto e non con sciocche, quanto improvvide dichiarazioni del nostro Presidente del Consiglio G. Conte. Bisogna tenere ben presente una regola: chi investe in un’azienda per trarre profitto, ne diventa comproprietario.

Il partenariato.

Questa forma di “partenariato” è completamente diversa di quella di triste memoria del 1974 con la Lega Araba; essa voleva impadronirsi di grandi porzioni di territorio per investire le sue enormi ricchezze ma soprattutto ampliare la sua sfera religiosa per islamizzare gli abitanti secondo i principi coranici.

Un particolare che riguarda la Cina che può sembrare banale ma non lo è affatto; si trova proprio nella formazione dei giovani.

Il governo cinese guarda lontano e prepara all’uopo milioni dei suoi giovani, i quali forse non giocano a calcio e non hanno la “Juventus” (per fortuna loro) e non sono perditempo come i nostri.

Orbene; gli inglesi hanno “portato” in Cina un gioco al biliardo che si chiama Snooker.

Si tratta di una vera disciplina che impegna il giocatore a conoscerne bene le regole, i comportamenti e lealtà verso gli avversari e una vera etica sportiva. Richiede lunghi allenamenti al Club, studio di tattiche per le centinaia di combinazioni al tiro e precisione nel colpire la biglia.

È una sorta di gioco a scacchi ma molto più dinamico per i movimenti attorno al grande tavolo. Ebbene, in pochi anni nella grande Cina si sono aperti oltre 5.000 (cinquemila) Club e scuole che insegnano questa disciplina. Oggi capita che decine giovani di 17 anni vincano partite su esperti campioni quarantenni del Regno Unito; tra l’altro, i tavoli da gioco sono costruiti nella stessa Cina, che ha conquistato il mercato globale.

Sono molti anni che seguo con la famiglia questo magnifico gioco sui canali di Eurosport, perché la RAI trasmette nelle sue reti, sino alla nausea, partite di calcio, portando in auge tale gioco quale “sport” nazionale per eccellenza. Non è per niente così; conta circa il 35/40% di appassionati e non è più “sport” ma fabbrica di malaffare, imbrogli, produce violenza, portando inevitabilmente ad azioni delinquenziali, ed è, a tutti gli effetti, il “5° Stato”, in quanto Lega autonoma intoccabile.

Belt and Road: frase impropria che significherebbe “La nuova via delle seta”, è comunque espressione dai contenuti piuttosto oscuri. Si tratta di un grandioso progetto partito dalla Cina già nel 2013 per creare rapporti politici e trattative con oltre sessanta paesi dell’Africa, Asia ed Europa. Si tratta di un partenariato minutamente studiato per concorrere e influenzare, con allettanti finanziamenti, le strutture dei trasporti di terra, mare e cielo nei paesi con politiche deboli come l’Italia.

Cartina raffigurante

Cartina raffigurante “La nuova via delle seta”
Immagine tratta da eurolinkgeie.com

Partenariato è un termine dai significati funesti per l’Italia e richiama tutto il paese al ricordo di quello sottoscritto dal prode Romano Prodi con la Lega Araba nel non troppo lontano 1974.

In ottemperanza di questo “accordo” abbiamo, oggi, centinaia di migliaia di extracomunitari abusivi che vivono sulle spalle degli italiani con costi enormi, non rimborsabili, in nome di un vergognoso mercimonio umano che il padre della cristianità don Francesco chiama, con una faccia di bronzo che non ha eguali, “solidarietà”. Nel frattempo gli arabi hanno acquistato interi isolati in grandi città del Nord.

Una precisazione: l’allora Presidente del Consiglio Romano Prodi (1996/1998), nel 1999 era anche Presidente della Commissione Europea.

Riporto qui parte di un mio articolo del 2012 sull’argomento e già pubblicato tempo addietro nel BLOG.

Nel 1974, quando si era tenuta a Lahore la II° Conferenza Islamica, presenti tutti i potenti del mondo musulmano, si erano tracciate le linee di una politica Islamo-araba di portata internazionale, tanto che “Il Segretario generale della Conferenza Islamica Muhammad Hasan ‘al-Tuhāmi parlò di uno stato islamico che avrebbe cercato di diffondere l’islām anche nei paesi non musulmani”.

Specificato nello “Statuto degli Stati Arabi” (il comma b), tra le altre norme, illustra in modo chiaro che:«…nel 1964 è stato formato il Consiglio Arabo per L’unità Economica dei 12 Stati membri della Lega. Gli obiettivi di questo Consiglio includono, fra gli altri, l’inizio delle azioni per creare un mercato comune arabo, allo scopo di garantire la libertà di movimento e transito d’individui, capitali e beni, così come la libertà di ottenere lavoro e acquisto di proprietà ».

L’ambizioso progetto prendeva concretamente corpo nei decenni successivi anche attraverso il DEA, divenuto lo strumento decisivo del successo di questo progetto di partenariato.

“Questi programmi sono stati entusiasticamente accolti, applicati e recepiti da leader, intellettuali e attivisti europei, non solo, ma anche elargendo cospicui finanziamenti ai palestinesi e ai Fratelli Musulmani per creare le loro ramificazioni in tutta l’Europa occidentale”.

L’avventata e imprudente politica di partenariato capeggiata dalla Francia, aveva volutamente allontanato dell’Europa dagli Stati Uniti, sottovalutando in modo improvvido la jihād.

In seguito l’Europa aveva cercato, francamente senza convinzione, di estraniarsi dalla jihād attuando un’ambigua politica che l’aveva portata a una sorta di collusione con il terrorismo internazionale accusando gli Stati Uniti e Israele di alimentare i movimenti jihadisti.

L’Europa filo-arabo-islamica aveva continuato la sua politica di sottomissione e a quanto risulta, beneficiando in un solo decennio la Lega Araba di oltre 10 (dieci) miliardi di dollari; il tutto portato avanti con icastico impegno dal Presidente di turno Romano Prodi. Una vera follia, tenendo conto che questo denaro sarebbe servito per ben altro a casa nostra, o altrimenti utile a mitigare gli effetti dell’attuale grave crisi (siamo nel 2012). Altro fatto inconcepibile di questa storia è avvenuto nel  1994 con il conferimento-farsa del “Nobel per la pace” a Jasser Arafat, nonché il 19 febbraio 1999, su iniziativa del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, veniva nominato lo stesso Arafat “Cavaliere di gran Croce, decorato di gran cordone dell’Ordine al merito della Repubblica italiana”, un segno dell’ambiguo servilismo dei politici italiani verso un patriota palestinese abilissimo in politica; un pacifista che circolava con il mitra sottobraccio e sospetto colluso con il terrorismo.

Il 10 febbraio 2012 una notizia ammutoliva Torino: era quella di creare nella città “Una sola casa per i musulmani del Piemonte”, in cui i buoni propositi erano di “ Un futuro di convivenza e di pace”, annunciando ai piemontesi la nascita della “Confederazione Nazionale”, la quale si porrà quale “Interlocutore dello Stato italiano”, chiedendo inoltre il riconoscimento della religione islamica. Tutto questo succedeva mentre Torino e il Piemonte vivevano una tremenda crisi politica e di lavoro; in quel periodo Sindaco di Torino era il comunista Piero Fassino, succeduto all’altro comunista Sergio Chiamparino.

Ritornando al 19 gennaio Il “Fatto Quotidiano” scriveva:« Torino ha finito i soldi. Le casse di Palazzo Civico sono vuote, e sui cittadini sabaudi grava un debito che l’anno scorso è salito a 4,5 miliardi di euro, record assoluto in Italia. In questi giorni la giunta Fassino ha approvato il bilancio previsionale 2012. Non è stata una passeggiata, non soltanto per il fuoco di sbarramento dei 30mila emendamenti al testo posti dall’opposizione Pdl-Lega, ma soprattutto perché la grana dei derivati non ha certo consentito ampi margini di manovra. In più bisognava tentare il rientro nello «stupido» Patto di stabilità, come l’aveva definito Fassino alla fine dell’anno scorso.

La Relazione previsionale programmatica redatta da Domenico Pizzala, influente collaboratore dell’assessore al Bilancio Gianguido Passoni, parla chiaro: «Gli oneri finanziari derivanti dall’indebitamento […] condizionano in parte il bilancio comunale. Tale condizionamento tenderà ad aumentare se non continuerà una incisiva e adeguata politica di contenimento della spesa e di dismissioni patrimoniali». Due obiettivi che, stando ai numeri contenuti nel documento, appaiono difficili da realizzare…»

Eppure Torino continua a essere un contenitore arabo-islamico e fintanto che al comando della Regione Piemonte ci sarà un Presidente come Sergio Chiamparino, detta Regione rimarrà inchiodata al passatismo e a iniziative miranti a un’accoglienza esasperata di gente extracomunitaria mantenuta con costi spaventosi (circa un paio di mesi fa è stata tolta ai migranti la gratuità ai contraccettivi; persino quelli erano gratis), denari estorti al mondo del lavoro con effetti, in tale congiuntura sfavorevole, di alimentare la continua emorragia delle imprese e dei giovani.

L’attuale “guerra libica”.

Nella cruda realtà è una finta guerra ma con veri, poveri morti e non per migliorare la condizione di cittadini e di tribù libiche o africane; si tratta di una guerra di convenienza  In questo conflitto il petrolio conta poco, ci sono altri motivi, appunto di convenienze e di profitti più facili; attraverso la ripresa del moderno schiavismo criminale (gli scafisti), o mercimonio umano, con un numero spaventoso di africani, libici compresi, spinti alla fuga (si parla di circa un milione di persone). Potentissimi magnati, politici e militari africani sono i burattinai senza scrupoli che tirano le fila di questo funereo teatro creato all’uopo nello scacchiere libico. “La questione libica” è una vecchia storia all’italiana: la lunga guerra di “conquista” 1911- 1931, recentemente ancora nel 2011, nella guerra contro Muammar Gheddafi, con il governo Berlusconi che voleva intervenire a fianco dei francesi, i quali gli scaricarono tutte le responsabilità che in realtà erano del presidente Napolitano detto “emerito” solo perché comunista (sempre loro), ma senza alcun merito e molti demeriti.

Le cosiddette “guerre di convenienza” esistono da secoli; in particolare nelle vecchie monarchie. Poche o molte migliaia di morti servivano per giustificare scambi, acquisizioni di territori e financo di Stati. Le monarchie si accordavano senza andare troppo per il sottile sul numero delle perdite umane. Ecco un esempio fra mille; l’intervento piemontese nella guerra di Crimea (1853 – 1856), è stato uno di quegli accordi “vantaggiosi”, fatti “ al prezzo di qualche migliaio di morti”.

Molto ingenuamente si pensava che oggi, almeno in Europa, la schiavitù fosse storia finita da molto tempo ma stando a quanto succede, credo che per i principali responsabili sia giunta l’ora di fare i conti con processi pubblici che infliggano condanne severe e inappellabili.

16 aprile 2019

                                                                                                                                 Carlo Ellena

Condividi questo articolo

Trieste Libera e le votazioni italiane del 4 marzo 2018

La lettera e i link del “Movimento Trieste Libera” che riportiamo di seguito sono un urlo di protesta e rabbia su gli abusi di potere che il governo italiano ha compiuto e ancora compie alla città di Trieste e al suo Porto Franco Internazionale ma… tutto si sta avviando verso una giusta, logica conclusione.

Inserire nel sistema elettorale e fiscale della Repubblica Italiana il Free Territory of Trieste, affidato all’amministrazione provvisoria del Governo italiano, è un’operazione illegale che in concreto ha portato alla città soltanto miseria e corruzione. Un’operazione che è illegale non solo per il diritto internazionale, ma anche per l’ordinamento costituzionale italiano. I cittadini consapevoli a Trieste perciò faranno la scelta di protesta legittima più responsabile: non votare.

Questo giusto comportamento è il risultato di ben oltre sessant’anni di un consolidato sistema di corruttela messa in atto dai governi italiani, dissanguando la bella Trieste, per cui è giusto che i Triestini non si sentano più italiani.

I moduli in distribuzione per la dichiarazione volontaria di “non voto attivo” si riferiscono esclusivamente ai cittadini residenti in Trieste; ed è cosa invero dispiacevole, poiché tale volontà troverebbe approvazione in buona parte dei cittadini italiani che subiscono gli identici trattamenti, al pari dei triestini ma…

Carlo Ellena

Segue l’articolo originale: Elezioni del 4 marzo: Trieste Libera sceglie il non-voto, anche “attivo” (15 Febbraio 2018). Movimento Trieste Libera tratto da http://blog.triestelibera.one/archives/1605

Elezioni del 4 marzo: Trieste Libera sceglie il non-voto, anche “attivo”

Il Movimento Trieste Libera, che è l’organizzazione politica più numerosa del Free Territory, e la più seguita sul web, illustrerà in conferenza stampa giovedì 15 febbraio alle ore 11.30, nella sede di piazza della Borsa 7, i moduli per esercitare il non-voto attivo nelle elezioni politiche italiane del 4 marzo (LINK).

Alle elezioni politiche italiane del 4 marzo una gran parte degli elettori non voterà, per motivi evidenti: la legge elettorale è una truffa scandalosa e peggiore delle precedenti, e i politici italiani sono sempre più incapaci ed irresponsabili. Ma a Trieste c’è un motivo in più.

Perché inserire nel sistema elettorale e fiscale della Repubblica Italiana il Free Territory of Trieste affidato all’amministrazione provvisoria del Governo italiano è un’operazione illegale che in concreto ci ha portato soltanto miseria e corruzione.

Un’operazione che è illegale non solo per il diritto internazionale, ma anche per l’ordinamento costituzionale italiano. I cittadini consapevoli a Trieste perciò faranno la scelta di protesta legittima più responsabile: non votare.

Per non votare a Trieste ci sono due modi: non presentarsi al seggio, oppure presentarsi per depositare la propria dichiarazione motivata di non-voto.

Trieste Libera ha quindi predisposto i moduli per tutti coloro che preferiranno alla protesta passiva questa forma di protesta attiva, da cittadini e non più da sudditi.

Ufficio Stampa del Movimento Trieste Libera

 

 

Consigliamo infine la nuova analisi de La Voce di Trieste, che parla proprio delle elezioni politiche italiane del 4 marzo 2018

Segue l’articolo originale: Elezioni italiane e politici: il nemico sono loro (10 febbraio 2018). La Voce di Trieste tratto da http://www.lavoceditrieste.net/2018/02/13/elezioni-italiane-e-politici-il-nemico-sono-loro/

Elezioni italiane e politici: il nemico sono loro

Confine di Stato al Lisert, 10 febbraio 2018

Analisi di Paolo G. Parovel

Nel maggio 1915 l’Italia aggredì l’Austria-Ungheria (LINK) rompendo la precedente alleanza ed inviò le sue truppe ad invadere il confine sguarnito del Friuli austriaco, che presso Cervignano – Sarvignan si trovava sui fiumi Judrio e Aussa, varcato da un ponte di ferro. Il primo ufficiale italiano che si inoltrò sul ponte vi trovò solo un vecchio friulano chinato a pescare e gli chiese: “Buon uomo, mi sa dire se il nemico è vicino?”. Il vecchio alzò la testa e gli rispose “Certo, signore: il nemico siete voi.”

Il 4 marzo 2018 si terranno le elezioni per il Parlamento italiano, con una nuova legge elettorale che è una truffa antidemocratica scandalosa, peggiore delle precedenti, e con una classe politica che è ormai così incapace, irresponsabile e corrotta da mettere in pericolo non solo il suo Paese, ma anche gli equilibri economici e strategici europei ed euro-atlantici.

La decomposizione economica, istituzionale e sociale dell’Italia è infatti da anni ben oltre il livello del default, ma viene tollerata impedendone l’esplosione perché, a differenza dalla Grecia, la penisola italiana ha posizione e dimensioni strategiche centrali per l’intero Occidente.

La classe politica italiana sfrutta questa posizione dalla fine della seconda guerra mondiale, ed ha continuato a farlo durante tutta la guerra fredda ed i conflitti nell’ex-Jugoslavia per sviluppare operazioni di politica estera in contrasto con le strategìe dell’Alleanza euroatlantica e per accumulare un enorme debito pubblico.

L’impunità per questi comportamenti ha favorito una degradazione crescente della classe politica, dalla crisi di Sigonella (1985) sino ai livelli attuali, quando politici e partiti non hanno più alcuna capacità né intenzione di affrontare i problemi concreti del lavoro e della povertà dilagante nel loro Paese, che sono causati dal loro malgoverno.

Le loro campagne elettorali si limitano ormai a promettere miracoli impossibili, accusare l’avversario di essere più corrotto di loro e creare, da destra e da sinistra, nemici immaginari da combattere: gli immigrati clandestini, l’Unione Europea, il “populismo”, ed ora anche la Massoneria in quanto tale.

Ma i veri colpevoli dell’immigrazione clandestina in Italia (LINK) e della sottomissione eccessiva all’Unione Europea sono gli stessi politici italiani che le sfruttano ora per fare “populismi” contrapposti, mentre la Massoneria regolare è un’organizzazione legittima in tutti i Paesi civili (LINK), che non ha nulla a che fare con le etichette pseudo-massoniche di corruzioni che sono una costante culturale del sistema politico-mafioso italiano.

È la costante culturale descritta nel 1918 dal “Codice della vita italiana” di Giuseppe Prezzolini: «Non è vero che l’Italia sia un Paese disorganizzato. Bisogna intendersi: qui la forma di organizzazione è la camorra. Il partito come la religione, la vita comunale come quella economica, prendono inevitabilmente questo aspetto. Non manca la disciplina: ma è la disciplina propria della camorra, l’ultra disciplina che va dal fas al nefas.»

Cent’anni dopo, per le elezioni del 4 marzo 2018 i politici italiani portatori di quella loro forma di “ultra-disciplina” invaderanno anche l’attuale Free Territory of Trieste (affidato all’amministrazione fiduciaria del loro Governo – LINK), varcando il confine tra i due Stati al ponte sul fiume Lisert per chiederci dove sono, qui, i nemici immaginari contro i quali chiedono voti.

E questa volta saremo noi, popolo vecchio e nuovo di Trieste, a poter alzare la testa e rispondere a quei politici italiani: “Qui, come in Italia, signori, il nemico siete voi.”

 

 

Condividi questo articolo

Provata illegittima l’operazione del sindaco Dipiazza sull’ex caserma Polstrada di Roiano

Nella nauseabonda palude elettorale in corso, i politicanti “dimenticano” i loro fallimenti nella disastrata Italia, mentre continuano gli abusi, corruzione e arroganza ai nostri fratelli triestini.
C.E.

Segue l’articolo originale: Provata illegittima l’operazione del sindaco Dipiazza sull’ex caserma Polstrada di Roiano (13 Gennaio 2018). Movimento Trieste Libera tratto da http://blog.triestelibera.one/archives/3719

Provata illegittima l’operazione del sindaco Dipiazza sull’ex caserma Polstrada di Roiano

L’amministrazione comunale di Trieste retta dal sindaco Roberto Dipiazza insiste a tentar di coprire con dichiarazioni ingannevoli le illegittimità ormai provate del giro di appalti inutili da 15 milioni di euro organizzato attorno all’ex Caserma della Polizia stradale nel rione di Roiano.

Il giro di appalti inutili risulta organizzato dalle precedenti amministrazioni del sindaco Dipiazza con funzionari del Demanio dello Stato e del Ministero dell’Interno, il suo successore Cosolini (PD) non l’ha annullato, e la nuova amministrazione Dipiazza l’ha potuto perciò riprendere per portarlo a compimento.

L’operazione è consistita nel trasferire il nucleo di Polizia Stradale di Trieste (contro la sua volontà) in una caserma nuova costruita a spese del Comune, che in cambio riceve dal Demanio la proprietà dell’area e degli edifici di Roiano allo scopo dichiarato di destinarli ad asilo, parcheggio e parco urbano per gli abitanti del rione.

L’area includeva infatti gli edifici, intatti ed utilizzabili a questi scopi con pochi adattamenti, della caserma e del parcheggio coperto, con officina, da oltre 100 posti, più ampi spazi aperti con grandi alberi sani ai quali era sufficiente aggiungere nuove piante, vialetti, fontane e panchine. Interventi e spese potevano risultare perciò ragionevoli.

Il Sindaco Dipiazza si è invece fatto consegnare l’area in anticipo ed ha fatto abbattere immediatamente di prepotenza, ignorando le proteste, tutti gli alberi e gli edifici per imporre la costruzione assurda e non necessaria di edifici nuovi, di un parcheggio interrato da 70 posti (nonostante la presenza di un torrente sotterraneo), e di un parco nuovo.

Una forzatura è resa poi ancora più evidente dalle ammissioni dello stesso Comune che per quegli interventi non esistono ancora né il progetto, né le previsioni dei tempi e dei costi. Che non dovrebbero però essere inferiori ai 7-8 milioni di euro.

Le sole certezze sono perciò che la spesa di denaro pubblico sarà enorme quanto inutile, e che l’intera operazione farà ritardare enormemente il promesso utilizzo pubblico dell’area, facendo guadagnare soltanto le imprese beneficiarie del giro di appalti inutili.

Questo quadro evidente dei fatti suggerisce indagini adeguate, ma le illegittimità originarie dell’operazione sono già provate dal contratto di trasferimento della proprietà dal Demanio dello Stato al Comune di Trieste, rogato non da un notaio ma dal Segretario Generale del Comune stesso.

I due enti istituzionali dovevano sapere infatti che il Demanio dello Stato non poteva cedere l’area al Comune, perché non ne ha la proprietà ma soltanto la gestione, ed il Comune non poteva perciò acquisirla. Per di più il contratto dichiara il falso sul titolo di proprietà non solo sotto tale aspetto fondamentale, ma anche perché lo riferisce ad un’ area diversa da quella della caserma; elude inoltre il problema tecnico del torrente sotterraneo.

Chi vuole approfondire l’argomento può leggere QUI il Reclamo Tavolare presentato il 15 dicembre al Tribunale dalla International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R F.T.T., con notifica anche alle autorità amministrative e giudiziarie perché avviino doverosamente le indagini di loro competenza. L’atto della I.P.R. F.T.T. consolida infatti con ampia trattazione in fatto e diritto tutte le prove delle illegittimità della cessione. Quest’atto apre inoltre l’intera questione degli abusi sui beni demaniali del Free Territory of Trieste, inclusi i beni del porto, che hanno un valore materiale e funzionale complessivo di decine di miliardi di euro.

Farebbero perciò bene a leggerlo e studiarlo con molta attenzione anche i consiglieri del Comune di Trieste ai quali l’arrogante e superficiale Amministrazione Dipiazza chiede di condividere senza verifiche anche le responsabilità civili, amministrative e penali di quest’ennesima operazione scandalosa.

Il video di Trieste Libera che riassume la verità sul caso della caserma di Roiano e le bugie dei politici su questo giro di appalti inutili: LINK

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Trieste: primo successo della causa fiscale sull’amministrazione italiana

Proponiamo il testo integrale di un articolo del Movimento Trieste Libera pubblicato sul loro blog  e sul giornale LA VOCE DI TRIESTE del 28 novembre. Questo documento è importante, non solo per la grande vittoria ottenuta in giudizio ma soprattutto per gli sviluppi e i risvolti politici che questa causa unica in Italia avrà nel tempo. Una prova tangibile dell’inettitudine, arroganza e superficialità che lo Stato italiano ha dimostrato ancora una volta, soprattutto in questo frangente. Mi chiedo in quali mani siamo finiti e cos’è quest’Europa complice saccente dell’Italia che disconosce e umilia i suoi cittadini e gli stessi europei.

 

Segue l’articolo originale: Trieste: primo successo della causa fiscale sull’amministrazione italiana (28 novembre 2017). La Voce di Trieste tratto da http://www.lavoceditrieste.net/2017/11/28/trieste-primo-successo-della-causa-fiscale-sullamministrazione-italiana/

Trieste: primo successo della causa fiscale sull’amministrazione italiana

28-11-2017_foto1

La fila di intervenienti all’ingresso laterale del Tribunale di Trieste

 

Trieste, 28 novembre 2017. – La causa fiscale avviata nel maggio 2017 dalla International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T. nei confronti del Governo italiano amministratore fiduciario ha ottenuto un primo successo all’udienza di comparizione delle parti, che si è tenuta martedì 28 novembre.

Il Governo italiano si è infatti costituito nel giudizio facendosi difendere dalla sezione di Trieste dell’Avvocatura dello Stato, che ha depositato l’atto di costituzione ma non si è presentata in aula. Il Giudice ha concesso termini per il deposito di documenti e memorie entro il 15 maggio 2018.

Le tesi difensive proposte dall’Avvocatura dello Stato erano insostenibili ed in conflitto con la posizione dello stesso Governo italiano, che con il recente decreto sulla gestione del Porto Franco internazionale ha ammesso di esercitare l’amministrazione civile provvisoria del Free Territory of Trieste su mandato dei Governi statunitense e britannico per conto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

La I.P.R. F.T.T. ha dichiarato perciò che «apprezza la decisione del Governo italiano di non insistere su tesi difensive insostenibili, e la decisione del Giudice di concedergli un termine ulteriore di sei mesi per affrontare e risolvere il contenzioso con negoziati ragionevoli e soddisfacenti per ambedue le parti».

La causa avviata dalla I.P.R. F.T.T. chiede l’accertamento giudiziale del diritto del Governo amministratore ad imporre e riscuotere le tasse a Trieste in nome, per conto ed a bilancio dello Stato italiano, oppure in nome, per conto ed a bilancio del Free Territory amministrato. Le tasse imponibili nel Free Territory attuale sono da due a tre volte inferiori a quelle dello Stato italiano.

La causa della I.P.R. F.T.T. non ha precedenti ed è sostenuta anche dall’intervento processuale di cittadini ed imprese dell’attuale Free Territory of Trieste e di altri Stati. Gli atti di intervento già depositati sono 485. Poiché le parti fisicamente presenti all’udienza erano quasi 200, il Tribunale ha dovuto assegnare al processo l’aula della Corte d’Assise.

I media italiani hanno sinora applicato a tutte le notizie in argomento una stretta censura stampa che dimostra gli imbarazzi della classe politica italiana sulla questione di Trieste.

F.W.

CAMERA

Gli intervenienti prendono posto nell’Aula d’Assise

 

 

Condividi questo articolo

Trieste e Torino; storia di un declino che, in un certo senso, le unisce

Un dettagliato articolo di Paolo G. Parovel sul giornale LA VOCE DI TRIESTE del 6 novembre, che di seguito pubblichiamo, riassume le tristi vicende della città di Trieste, dell’attuale Free Territory of Trieste, del suo Porto Franco Internazionale e la spogliazione perpetrata nei sessant’anni di amministrazione civile provvisoria del Governo italiano con l’aggressione fiscale e il saccheggio economico.

Prendo spunto dai gravi fatti esposti nell’articolo, per palesare la situazione, non eguale ma simile nel tempo, verificatisi nel Piemonte, in particolare a Torino e la sua provincia.

Torino una Nazione che ha superato i mille anni di storia, era un tempo gloriosa e combattiva. Prima capitale d’Italia, capitale industriale, capitale dell’auto, capitale della moda, capitale del lavoro, capitale delle idee per creare lavoro, capitale dei primati militari e molto altro, oggi, scomparsa dallo scenario di chi produce lavoro e benessere, affonda nel suo declino come una maledizione che la perseguita per un continuus di amministrazioni politiche ottuse e incapaci. Una città in cui gli ultimi rampolli della vecchia borghesia hanno raccolto l’eredità del passato passando indenni attraverso la monarchia, la destra liberale, la repubblica, il socialismo e oggi complici dei comunisti, alimentano ancora un sistema politico che ha portato il Piemonte al fallimento non ancora dichiarato.

Nello scorrere dei decenni si è compiuta la rapina di tutto quanto nutriva il corpo della città quand’era capitale; svuotata dei suoi valori materiali e morali, ridotta a un museo industriale in rovina e in ultimo annientata, trasformata in un’altra capitale dai tristi primati e suburra senza futuro. Capitale delle chiacchiere, dei progetti senza costrutto, dei sogni irrealizzabili e dei grandi fallimenti, oggi si prepara a un altro gigantesco costosissimo bluff; la “Città della salute”, che succederà alla dismissione dei grandi impianti invernali del 2006 e all’incompiuta area Westinghouse, progetti faraonici di centri congressi polifunzionali, di una torre-albergo da 90 metri, un altro centro commerciale e molti altri flop, in una città che si svuota.

È la storia compiuta della nuova Torino catto-comunista e quanto segue sia scolpito nella memoria dei piemontesi e degli italiani.

Segue l’articolo originale: Trieste, il 26 ottobre e gli USA di Paolo G. Parovel (26 ottobre 2017). La Voce di Trieste tratto da http://www.lavoceditrieste.net/2017/10/26/trieste-il-26-ottobre-e-gli-usa/

Trieste, il 26 ottobre e gli USA

  di Paolo G. Parovel

Trieste, 26 ottobre 1954

 

Il 26 ottobre 1954 il primo Governo provvisorio di Stato dell’attuale Free Territory of Trieste affidato ai Governi degli Stati Uniti e del Regno Unito, l’Allied Military Government Free Territory of Trieste – AMG FTT, veniva sostituito nell’amministrazione civile provvisoria dal Governo italiano, secondo un Memorandum d’intesa firmato a Londra il 5 ottobre.

L’amministrazione diretta anglo-americana, efficiente ed onesta, aveva risollevato l’economia di Trieste con un regime fiscale ragionevole e con finanziamenti allo sviluppo economico come il counterpart fund, fondo di contropartita, destinato dagli USA al Free Territory of Trieste ed agli altri Stati europei membri dell’ERP – European Recovery Program, più noto come “piano Marshall”.

I risultati erano buoni perché i 27 anni di occupazione e poi annessione italiana a seguito della prima guerra mondiale non erano riusciti ancora a distruggere la cultura economica e la capacità imprenditoriale della Trieste absburgica nell’industria, nel commercio e sui mari del mondo.

Durante l’amministrazione anglo-americana l’Italia aveva invece finanziato ed armato a Trieste i nazionalisti ed i neofascisti italiani, spendendo somme enormi che li avevano trasformati un gruppo di potere sempre più ricco, arrogante, corrotto e violento.

Il 26 ottobre 1954

Quel 26 ottobre del 1954 la propaganda nazionalista spacciava il cambio di amministrazione provvisoria come “restituzione di Trieste all’Italia” promettendo un futuro radioso per tutti, ed i fotografi e cineoperatori immortalavano una folla enorme di entusiasti e di curiosi che accoglieva le truppe italiane in Piazza Grande e sulle rive.

Ma quella folla era formata, paradossalmente, per buoni due terzi da italiani venuti a Trieste per vedere i triestini che accoglievano gli italiani. La maggioranza dei triestini era scettica o contraria e si era tenuta lontana dalle manifestazioni, mentre il poeta Biagio Marin, benché di parte italiana, scriveva profetico:

«Trieste è felice stasera. Celebra con trasporto la sua futura sventura. Perché tutte le volte che la nostra città si è concessa con sconfinato entusiasmo all’Italia amata, ha sùbito imboccato la triste strada della decadenza. Noi eravamo il gioiello dell’impero di Maria Teresa e il porto dell’Austria, eravamo la rosa profumata degli Asburgo. Con l’Italia saremo un piccolo fondaco gestito in modo sbrigativo dai burocrati e diventeremo una società strozzata e rassegnata di facili guadagni e di indomabili nostalgie. Oggi è cominciato il nostro tramonto.» 

E così è stato, perché il nuovo Governo amministratore mise subito sotto controllo l’economia locale dissanguandola illegalmente con le enormi tasse dello Stato italiano, e rendendola dipendente da finanziamenti pubblici italiani, per i quali Roma continuava in realtà ad utilizzare i fondi americani destinati al Free Territory of Trieste.

Il metodo dell’aggressione fiscale

Io sono uno dei testimoni diretti dell’inizio, quel giorno stesso, dell’aggressione fiscale italiana all’economia del Free Territory of Trieste, e della sua prosecuzione sistematica.

Nel 1954 avevo 10 anni ed miei genitori, Eugenio Parovel e Nerina Widmar, conducevano con successo la nostra agenzia di distribuzione della stampa internazionale con libreria, fondata nel 1882 con sede dietro Piazza Grande, in via del Teatro, filiale ad Istanbul, Istiklal Caddesi 495, e durante la guerra anche a Lubiana.

Di quel 26 ottobre ricordo benissimo due cose: la folla eccitata nella piazza e sulle rive, sotto la pioggia, e l’irruzione brutale immediata della Guardia di Finanza italiana nella nostra agenzia. Mio padre, nato cittadino austriaco a Trieste nel 1900, aveva lavorato anche in Francia, in Belgio, ad Alessandria d’Egitto, a New York, al Brennero e ad Istanbul, ma non aveva mai ricevuto un trattamento simile.

Era un imprenditore onesto ed i finanzieri non trovarono nulla di irregolare, ma l’allora Intendenza di Finanza italiana (l’attuale Agenzia delle Entrate) lo caricò egualmente di tasse così ingiuste ed eccessive da paralizzare l’azienda.

Lui se ne ammalò, ma non si arrese. e riuscì anche a contribuire alla riapertura nel 1957 della Galleria del Tergesteo, proprietà della società Tripcovich del barone Gottfried von Banfield, spostandovi la libreria con nuovi arredi dell’architetto Alessandro Psacaropulo ed una sala d’arte affacciata su Piazza della Borsa e gestita con Piero Florit, dove esponevano Lucio Fontana ed altri autori di fama.

Mio padre morì l’anno dopo, a soli 58 anni, e l’Intendenza di Finanza italiana ci aggredì immediatamente con tasse di successione cinque volte maggiori del dovuto. Ricorremmo alla giustizia tributaria di primo grado, che ci diede ragione, ma l’Intendenza di Finanza, pur sapendo di aver torto, ricorse in secondo grado, dove vincemmo nuovamente. Allora l’Intendenza ricorse ad una Commissione centrale di Roma, che ci dette torto senza consentirci la difesa.

Questa violenza illegale del fisco italiano ci mise in difficoltà tali che avremmo dovuto chiudere se non avessimo avuto l’appoggio dei dipendenti e di due gentiluomini formati nella Trieste austriaca: il barone Banfield ed Ugo Hirn-Irneri, fondatore del Lloyd Adriatico, che non dimenticava di essere stato aiutato dai miei genitori quand’era povero.

Dopo qualche anno dovemmo comunque cedere l’agenzia di distribuzione, e quando negli anni ’80 dovetti cedere anche la libreria il fisco italiano mi impose tasse tre volte maggiori del dovuto, che potei far annullare solo dopo 15 anni di cause legali e danni economici conseguenti.

Sei decenni di saccheggio economico

Dal 1954 l’amministrazione italiana ha applicato questo trattamento per sei decenni a migliaia di imprese di ogni genere e dimensione, vi ha aggiunto il sabotaggio del Porto Franco internazionale, il furto dei Cantieri navali, la chiusura della Borsa valori l’eliminazione graduale di quasi tutte le grandi imprese storiche triestine di terra e di mare. Anche il Lloyd Adriatico è stato venduto, e la Tripovich è stata eliminata con procedure scandalose.

In questo modo Trieste, la Filadelfia d’Europa creata dall’Austria attorno al porto franco con due secoli di immigrazione di imprenditori e lavoratori di più lingue, culture e religioni è divenuta così terra di emigrazione verso altri Paesi europei e verso le Americhe.

Gli effetti di questo saccheggio continuato erano stati coperti per alcuni anni dal boom del commercio di confine con la Jugoslavia e verso l’Est europeo, ma quando è cessata anche quella risorsa esterna Trieste si è trovata di nuovo in piena crisi, aggravata da una classe politica italiana locale sempre più inetta, avida e corrotta.

Il risultato è quello drammatico che stiamo vivendo adesso, con metà popolazione ridotta difficoltà crescenti o già in miseria ed i giovani costretti ancora ad emigrare per tentare di costruirsi un futuro mentre le vie di Trieste sono trasformate in cimiteri di negozi, ed il centro storico è sempre più degradato.

Al posto della nostra agenzia, in via del Teatro oggi c’è una paninoteca mentre la Galleria del Tergesteo, dopo un restauro senz’anima, è stata ridotta da salotto della città ad una gigantesca pizzeria caprese sgangherata e fuori posto, e la banca superstite sta per essere sostituita da una polleria.

Tutto questo, assurdamente nell’unica città d’Europa che ha diritti di Stato sovrano, di Porto Franco internazionale e di centro finanziario indipendente garantiti dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, creati per consentirle di diventare un centro di ricchezza straordinaria per sé e per tutti gli altri Stati.

Il 26 ottobre 1994

Nel 1994, quarant’anni dopo quel 26 settembre del 1954, la Trieste saccheggiata dall’amministrazione provvisoria italiana sopravviveva ai margini della guerra croato-serba che aveva dissolto la Jugoslavia, ed io mi occupavo di analisi per monitorare un’operazione segreta italiana che rischiava di internazionalizzare il focolaio di crisi ex-jugoslavo e di destabilizzare mezza Europa.

Il problema, già sotto osservazione da tempo, consisteva nel fatto che ambienti particolari profondamente infiltrati nelle istituzioni italiane volevano approfittare nella guerra croato-serba organizzando nell’Istria incidenti da attribuire a nazionalisti croati per giustificare un intervento militare “a difesa della minoranza italiana”.

L’opinione pubblica era stata preparata rilanciando come verità storica propagande antipartigiane fasciste e naziste del 1943-45 rielaborate da ambienti noti della destra nazionalista e neofascista italiana. Ma l’appoggio principale proveniva dagli ex-comunisti italiani, ed i collegamenti internazionali dell’operazione arrivavano in Germania e Russia, i due Paesi che assieme all’Italia avevano favorito la dissoluzione violenta della Jugoslavia sabotando i tentativi degli USA di impedirla.

In Italia queste attività politico-militari segrete violavano la Costituzione della Repubblica e la legge 17/1982, ma avevano coperture così forti che la Procura Militare dovette sospendere le indagini già avviate sui responsabili, e la pubblicazione di notizie sui media italiani veniva sistematicamente impedita. Ci provarono il quotidiano Liberazione e Paolo Rumiz sul Piccolo, ma vennero bloccati dopo il primo articolo.

In Slovenia e Croazia se ne poteva invece scrivere sulla stampa, ma i loro Governi non reagivano perché quello sloveno era condizionato da forti influenze italiane, e quello croato era ancora in guerra. L’onere di bloccare anche questa manovra di destabilizzazione ricadeva perciò sugli Stati Uniti, ma nel 1994 Roma tentava ancora di ignorare i loro ammonimenti riservati.

Le propagande revansciste italiane si fondavano principalmente sulla tesi falsa che il Free Territory of Trieste non fosse mai stato costituito, che l’Italia avesse perciò conservato la sovranità su di esso, e che avesse quindi diritto ad esercitarlo sia su Trieste, sia sull’accessoria “Zona B” affidata dal 1954 all’amministrazione del Governo federale jugoslavo ormai estinto, che l’aveva delegata a Slovenia e Croazia.

La questione dell’ex “Zona B” era stata chiusa dalle Nazioni Unite con le Risoluzioni che nel 1992 avevano riconosciuto le nuove Repubbliche indipendenti di Slovenia e di Croazia negli attuali confini a seguito di plebisciti.

Con questa formula sono rimasti intatti i diritti di Stato del Free Territory attuale, formato dalla sua principale ex “Zona A” con la capitale, il Porto Franco internazionale e cinque Comuni minori.

Per scoraggiare del tutto l’operazione revanscista italiana era necessario perciò ricordare con diplomazia ma con fermezza al Governo italiano che su Trieste non esercitava diritti di sovranità, ma soltanto l’amministrazione provvisoria su delega statunitense e britannica.

Così il 26 ottobre 1994 l’ambasciatore degli USA in Italia, Reginald Bartholomew, diplomatico di carriera, indirizzò alla popolazione di Trieste una lettera ufficiale di saluto «nel quarantesimo anniversario del passaggio della città all’amministrazione civile italiana», ricordando i legami storici e di amicizia tra i cittadini di Trieste e gli Stati Uniti d’America, e concludendo con un «augurio di pace e di prosperità per il cammino verso il 2000» LINK.

Il messaggio, nella sua eleganza formale, non era evidente ai profani, ma perfettamente comprensibile ai diplomatici italiani. I quali sapevano benissimo che durante la guerra fredda gli USA avevano evitato di intervenire nella conduzione delle amministrazioni italiana e jugoslava delle due zone del Free Territory of Trieste, ma avevano anche sempre curato di mantenere intatto lo status giuridico indipendente di Trieste e del suo Porto Franco, in attesa del momento strategico favorevole per attivarne le funzioni economiche internazionali.

Il 26 ottobre 2017

Ci sono voluti altri 23 anni, ma oggi, 26 ottobre 2017, quelle condizioni si sono finalmente concretate, con la modifica radicale della situazione politico-strategica dell’Europa centro-orientale e con il raddoppio del Canale di Suez, che consentono l’incremento dei traffici internazionali sugli assi ferroviari Baltico-Adriatico e Transiberiano tramite Vienna-Bratislava ed i porti adriatici nord-orientali di Trieste (Free Territory), Koper (Slovenia) e Rijeka (Croazia).

Vi sono inoltre gli strumenti giuridici per estendere, con intese tra Free Territory, Slovenia e Croazia, zone franche speciali del Porto Franco internazionale di Trieste anche al vicino porto sloveno di Koper ed ai porti croati di Rijeka e di Ploče per lo sviluppo dei traffici con l’Ungheria, la Bosnia-Erzegovina e la Serbia.

Oggi possiamo quindi ricambiare da Trieste quegli auguri del 1994 al nuovo ambasciatore degli Stati Uniti d’America a Roma, Lewis M. Eisenberg, che aggiunge a straordinarie competenze personali nel mondo della finanza internazionale l’esperienza di membro e poi Presidente del Consiglio di amministrazione della Port Authority di New York e del New Jersey, che ha relazioni con il Porto Franco di Trieste dal 1921.

 

 

Condividi questo articolo

L’azione legale della I.P.R. F.T.T. contro le imposizioni fiscali illegittime del Governo italiano amministratore e delle sue Agenzie

La International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T. ha citato in giudizio il Governo italiano, il suo Ministero dell’Economia e delle Finanze, le sue Agenzie fiscali (Entrate, Demanio, Dogane e Monopoli) e l’INPS per l’accertamento della legittimità o meno di tutte le imposizioni e riscossioni fiscali effettuate a Trieste in nome, per conto e a bilancio dello Stato italiano, con richiesta di sospensione cautelare di tutte le procedure di riscossione forzata.

La dichiarazione competa in PDF:

– in italiano: LINK

– in inglese: LINK

Il video della conferenza stampa, in italiano e inglese

 

Il decreto sulla gestione amministrativa del Porto Franco internazionale di Trieste

Il 13 luglio 2017 il Governo italiano ha annunciato la firma del decreto ministeriale, atteso da 23 anni, per l’organizzazione amministrativa dei Punti Franchi del Porto Franco internazionale del Free Territory of Trieste, che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale  n. 177 del 31 luglio 2107 (LINK).

Ma nel frattempo alcuni politici e media italiani hanno diffuso una valanga di disinformazioni per attribuirsi meriti inesistenti e per confondere l’opinione pubblica sui  contenuti reali del decreto governativo, che è stato emesso su pressioni internazionali sollecitate ed ottenute con intense attività informative, legali e politico-diplomatiche del Movimento Trieste Libera e della International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T.

Con questo decreto infatti il Governo italiano ha ammesso definitivamente di esercitare l’amministrazione provvisoria dell’attuale Free Territory e del suo Porto Franco internazionale, e non la sovranità dello Stato italiano, cessata qui dal 15 settembre 1947. Ma il provvedimento contiene anche alcune norme errate che dovranno essere corrette per dare agli investitori la necessaria certezza del diritto.

I chiarimenti fondamentali necessari sono contenuti nella dichiarazione immediata, in italiano ed inglese, con cui la I.P.R. F.T.T. ha accompagnato a livello internazionale la pubblicazione ufficiale del decreto del Governo amministratore. Vi invitiamo perciò a leggere il documento, che è pubblicato a questo LINK.

Il video con la dichiarazione, in italiano ed in inglese

 

Condividi questo articolo

Aggiornamenti e notizie sulla situazione triestina

Come preannunciato in un precedente articolo continuiamo la pubblicazione di notizie ed aggiornamenti sulla situazione del territorio triestino pubblicate dal Movimento Trieste Libera (www.triestelibera.one).

In questo video si parla della situazione del terrapieno inquinato di Barcola, un’ex discarica comunale di rifiuti tossici e di cosiddetti “materiali inerti” in piena zona balneare.  L’attuale amministrazione comunale vorrebbe realizzarvi dei parcheggi, ma per farlo dovrebbe bonificare l’area (contaminata anche da diossina a causa dallo smaltimento delle ceneri dell’inceneritore comunale di rifiuti) ed il costoso intervento è fuori dalla portata del Comune: oltre 50 milioni di Euro.

Segue il video completo dell’incontro pubblico “Chi deve pagare gli inquinamenti a Muggia?” durante il quale Trieste Libera ha spiegato ai cittadini di Muggia che rischiano di dover pagare, oltre che con la salute, anche con le tasse comunali le enormi spese di bonifica degli inquinamenti causati o consentiti dal malgoverno dei partiti e dei politici italiani collusi con interessi di speculatori: Montedorofoci dell’OspoNoghere, Porto San Roccoterrapieno Acquario, ecc.

In ultimo proponiamo uno stralcio della trasmissione “Sveglia Trieste” del 31 maggio 2017  dove è intervenuto Roberto Giurastante, Presidente di Trieste Libera, il quale ha risposto alle domande dei cittadini sullo status del Territorio Libero e del Porto Franco internazionale di Trieste.

Gli argomenti principali sono stati lo status dell’attuale Territorio Libero di Trieste dopo i mutamenti territoriali del 1992, il regime speciale e le potenzialità di sviluppo del Porto Franco, che esiste solo come ente di Stato del Territorio Libero, senza dimenticare i problemi relativi all’attuale amministrazione provvisoria italiana, in particolare la tassazione, e gli strumenti che Trieste Libera mette in atto a livello locale, italiano e internazionale (ONU) per ripristinare lo Stato di diritto.

 

Buona visione.

 

Condividi questo articolo

La questione ambientale italiana, il dramma di Trieste e il suo Porto Franco Internazionale.

La questione ambientale italiana è drammatica; molti capoluoghi di Provincia e altre grandi città come Roma, la città pattumiera; Catania e i suoi problemi di smaltimento rifiuti; gl’incendi boschivi in provincia di Messina; al Nord, Torino e le sue periferie; oramai l’inquinamento da rifiuti, prodotti chimici e altri veleni appestano ampie aree del territorio. Questo e ancora altro, che i giornali e le TV ci informano con dovizia ma tutto accade senza che le autorità preposte, da anni latitanti, agiscano rapide e con programmi almeno credibili.

A questo proposito non si può ignorare la drammatica storia del Territorio Libero di Trieste; la splendida città che con il suo Porto Franco Internazionale, dal primo dopo-guerra è stata usata quale discarica pubblica di tutti i rifiuti inquinanti immaginabili e inimmaginabili, con la complicità dei vari governi italiani succedutisi, è uno scandalo di proporzioni enormi che deve essere messo a conoscenza di tutti i cittadini italiani ed europei, se ambiamo essere ancora civili, liberi cittadini.

Io torinese e altri amici ci sentiamo vicini ai fratelli triestini e al Movimento Trieste Libera (www.triestelibera.one) di Gibanje Svobodni. Con l’intento di affiancarvi, per quanto possibile, nelle vostre battaglie, pubblicheremo periodicamente nel nostro BLOG quanto ricevuto dal vostro Ufficio Stampa con i relativi LINK.

Alé fieuj, molé gnanca ‘d na branca!

Carlo Ellena

 

Condividi questo articolo

© 2019 Il mio blog

Theme by Anders NorenUp ↑