Mese: Agosto 2017

Illegalità, menzogne, incapacità e autoritarismo fatte regole dal Governo, nell’arringa di chi? Un incantatore?


C’è un video che gira nel Web e ci mostra un intervento deciso e sanguigno di un generale dei carabinieri che racconta fatti a lui successi e attacca con veemenza i governi degli ultimi quattro anni più o meno tecnici ma molto politici, definendoli (con ragione) anticostituzionali e illegali sotto ogni punto di vista. Spiega con molta chiarezza e quasi arringa contro un parlamento abusivamente occupato da una pletora d’individui composta da voltagabbana, mestieranti, mercanti e traditori che agiscono in nome di un regime autoritario instaurato illegalmente, in disprezzo di ogni regola. Il generale denuncia (con ragione) l’immobilismo, le complicità e collusioni di tutto l’apparato dei dirigenti pubblici di vario grado con il partito di maggioranza e non solo.

Purtroppo, noi cittadini un po’ allocchi, la situazione la conosciamo fin troppo bene e la viviamo quotidianamente, sprecando parole, invettive e arrabbiature che si rivelano inutili contro un parlamento senza opposizione, che approva sempre tutto, facendo il solito “teatrino d’avanguardia”.

Tuttavia bisogna ammettere una diffusa indifferenza, resa, rassegnazione, immobilismo, rifiuto all’azione e appiattimento di buona parte dei cittadini che sembrano non essere italiani ma appartenenti ad un altro paese: il paese dei balocchi.

In conclusione nasce un dubbio; quest’uomo, nel suo ruolo di generale, inserito nei quadri militari, quindi importante uomo di potere, come ha dato seguito alle tante, furenti parole? Perché? E dopo le parole, con quali fatti concreti?

O anche costui fa il suo lavoro di cerimoniere incantatore che sa elargire bene e in abbondanza solo chiacchiere? Forse c’è qualcosa che ci sfugge.

Carlo Ellena

Condividi questo articolo

L’azione legale della I.P.R. F.T.T. contro le imposizioni fiscali illegittime del Governo italiano amministratore e delle sue Agenzie

La International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T. ha citato in giudizio il Governo italiano, il suo Ministero dell’Economia e delle Finanze, le sue Agenzie fiscali (Entrate, Demanio, Dogane e Monopoli) e l’INPS per l’accertamento della legittimità o meno di tutte le imposizioni e riscossioni fiscali effettuate a Trieste in nome, per conto e a bilancio dello Stato italiano, con richiesta di sospensione cautelare di tutte le procedure di riscossione forzata.

La dichiarazione competa in PDF:

– in italiano: LINK

– in inglese: LINK

Il video della conferenza stampa, in italiano e inglese

 

Il decreto sulla gestione amministrativa del Porto Franco internazionale di Trieste

Il 13 luglio 2017 il Governo italiano ha annunciato la firma del decreto ministeriale, atteso da 23 anni, per l’organizzazione amministrativa dei Punti Franchi del Porto Franco internazionale del Free Territory of Trieste, che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale  n. 177 del 31 luglio 2107 (LINK).

Ma nel frattempo alcuni politici e media italiani hanno diffuso una valanga di disinformazioni per attribuirsi meriti inesistenti e per confondere l’opinione pubblica sui  contenuti reali del decreto governativo, che è stato emesso su pressioni internazionali sollecitate ed ottenute con intense attività informative, legali e politico-diplomatiche del Movimento Trieste Libera e della International Provisional Representative of the Free Territory of Trieste – I.P.R. F.T.T.

Con questo decreto infatti il Governo italiano ha ammesso definitivamente di esercitare l’amministrazione provvisoria dell’attuale Free Territory e del suo Porto Franco internazionale, e non la sovranità dello Stato italiano, cessata qui dal 15 settembre 1947. Ma il provvedimento contiene anche alcune norme errate che dovranno essere corrette per dare agli investitori la necessaria certezza del diritto.

I chiarimenti fondamentali necessari sono contenuti nella dichiarazione immediata, in italiano ed inglese, con cui la I.P.R. F.T.T. ha accompagnato a livello internazionale la pubblicazione ufficiale del decreto del Governo amministratore. Vi invitiamo perciò a leggere il documento, che è pubblicato a questo LINK.

Il video con la dichiarazione, in italiano ed in inglese

 

Condividi questo articolo

Articolo apparso sull’album “TOPOLINO” dell’11 novembre 1979, pag. 157.

Sfogliare i vecchi album “TOPOLINO”della collezione di mia moglie, è un’operazione che affronto sempre con piacere e molta curiosità; sono una vera miniera di notizie talvolta strabilianti. Questa, che la mia attenta consorte ha trovato, è veramente stucchevole e se vista oggi, dopo ben 38 anni, ci mostra, dietro l’apparente semplicità dell’informazione, un paese che si è pietrificato già negli anni ‘70. Mi spiego meglio.
Tanto per essere chiari, reputo una vera fortuna che il ponte non sia stato costruito (a totale dispiacere di Berlusconi), tuttavia mettendo in conto che la fase di studio era iniziata nel lontano 1959; una montagna di denaro per un pugno di polvere. Sui motivi e il perché credo sia meglio non approfondire, non solo sullo sperpero di denaro pubblico ma anche su fatti e misfatti di dubbia trasparenza, comunque il fatto si rivela un pretesto più che sufficiente per osservare con occhio critico i soliti disastri italiani di varia natura che oggi si ripetono periodicamente, non come, ma molto peggio di quarant’anni fa.
Ponti e cavalcavia autostradali crollati, incendi dolosi in Sicilia, che ha ben 9 (nove) zone a rischio come a Napoli, sul Vesuvio. Gli incendiari, pur se colti sul fatto, condannati e incarcerati; dopo qualche mese, a volte anche solo per pochi giorni, per una strana magia ritornano in libertà. Una giustizia invero bizzarra, nevvero?
La mappa degli incendi in Italia conta circa 20 aree in pericolo costante e ancora; disastri ambientali e geologici un po’ in tutta Italia, dovuti all’assenza di controlli e manutenzione; abusi immobiliari vergognosamente impuniti sulle coste più belle del sud-Italia, a Matrice si vive ancora tra le macerie, le quali ricordano ai cittadini le promesse mancate dello Stato; la sanità al collasso, giustizia inesistente, la scuola pubblica trasformata in contenitore d’impieghi politici, dove si evidenzia la carenza d’insegnamento per l’assenza di programmi almeno decenti o a livello europeo.
Una vera e propria “dis-istruzione”, pianificata e caparbiamente voluta attraverso una perfetta organizzazione che implementava e implementa tuttora anche il mondo del lavoro in generale. Sindacalizzazione dei cittadini-lavoratori e attraverso formule arcaiche del partito comunista italiano, l’estensione massiccia della cultura del diritto; ovvero diritto alla scuola, con meno studio, diritto al lavoro, allo sciopero (circa cinquemila ore perse nel 2016) alle ferie, alla casa e quant’altro. Questa sorta di sotto-politica di basso livello del ”tutto facile” ha inculcato in molti giovani l’idea che il lavoro sia una seccatura solo in parte necessaria, un’idea che può funzionare sinché sono in vita i “finanziatori”, ovvero, genitori e nonni.
Con la presa di potere capillare dell’elefantiaco apparato pubblico, dell’informazione (La RAI) e naturalmente dell’ISTAT che gonfia a sproposito i vari dati e percentuali, il paese può dirsi paralizzato già dai primi anni ’80. Un convinto demagogo comunista quale Corradino Mineo, parlando di lavoro in un telegiornale di qualche tempo fa, commentava convinto la consolidata vittoria della nuova Italia improduttiva con la folgorante frase che suonava all’incirca così;“…oramai siamo in piena era post-industriale…”, tuttavia senza spiegare che forma di lavoro dare, nella nuova era x, ai milioni di disoccupati creati dalla sparizione delle “maledette” industrie passate di moda, come se fossero un tipo di pettinatura o un paio di pantaloni.
Ѐ importante precisare che i comunisti italiani e la chiesa hanno sempre lavorato bene insieme (da questo connubio è nato il catto-comunismo, si veda l’attuale pontefice, prodigo a spargere benedizioni e lanciare anatemi ma nel suo reame non entrano extracomunitari).
I Patti Lateranensi del 1929 con la nascita dello Stato della Città del Vaticano, erano stati in qualche modo accettati anche da una buona parte dell’antifascismo.
Già nell’agosto del 1938 c’era stato un incontro in Svizzera tra un monsignore di Curia e due esponenti del Partito Comunista in esilio; costoro rassicurarono il monsignore che non avrebbero messo in discussione il trattato ma solo il Concordato. È evidente una fattiva collaborazione di ben lunga data.
Tutto questo mette in luce, se ancora c’era bisogno, un fattore inequivocabile; il comunismo è un cancro per l’umanità e dove governa genera soltanto povertà e ottuso stratalismo improntato all’inefficienza e al clientelismo. Gli italiani e in particolare i piemontesi, dovrebbero metterlo in conto.
Il potere d’acquisto della Lira era aggiornato dall’ISTAT, che funzionava e rendeva visibili i coefficienti di rivalutazione. Con l’Euro (una vera e propria rapina per le tasche degli italiani) rimane un calcolo empirico, ce ne rendiamo conto nella spesa giornaliera delle derrate alimentari, l’unico sicuro riferimento poiché costantemente soggette a ritocchi sempre al rialzo. Un aspetto molto negativo per l’economia delle normali famiglie ma che al ciarpame politico che ci governa neppure passa per la testa.
Per circa sessant’anni le parcelle di libertà concessa agli italiani dai vecchi governi formati dai partiti tradizionali, hanno permesso alle famiglie un discreto benessere, frutto di duro lavoro e pesanti sacrifici per risparmiare qualche soldo. Oggi queste “riserve” si assottigliano, talvolta sono ridotte all’osso, tuttavia si rivelano indispensabili per figli e nipoti, in buona misura disoccupati e non avvezzi a risolvere i problemi che si trovano ad affrontare; con quale risultato? Questi giovani se ne vanno all’estero e non solo in Europa. Una perdita incalcolabile, di sicuro non rimpiazzata da extracomunitari o altri immigrati senza arte né parte e che sono da mantenere a spese dei cittadini.
La cecità, arroganza e totale assenza di diplomazia del segretario comunista signor Renzi e del suo compare signor Gentiloni, supportati dalla loro variopinta maggioranza composta di traditori, partitini voltagabbana e dal vecchio presidente della Repubblica Napolitano, che è il vero burattinaio, non ha limiti. Costui, è il degno compagno che nei suoi due mandati ha comunistizzato il paese, collaborando attivamente a impoverirlo attraverso una statalizzazione del lavoro, sterilizzandolo e burocratizzando all’esasperazione le pratiche all’iniziativa privata imprenditoriale e artigiana, che ha come logica conseguenza la fuga in massa delle imprese. È un problema già illustrato in precedenti articoli.
L’UE dei burocrati, non dei popoli, oramai allo sbando, sta marciando sull’orlo del baratro; “l’affaire extracomunitari”, trattato come faccenda di pertinenza delle sole oligarchie politiche e dai potentati economici non solo europei e in disprezzo di ogni norma democratica, hanno tenuto all’oscuro i cittadini dell’Unione sul sistema usato per dare libera circolazione ai migranti all’interno dell’UE. Un metodo truffaldino simile a quello adottato per il referendum sulla Costituzione Europea, già respinto nel 2005 dai francesi e olandesi e ripresentato nel giugno del 2008 mascherato come Trattato di Lisbona-alleggerito e respinto poi dall’Irlanda (unico paese ad aver previsto una consultazione popolare).
Al Consiglio Europeo del 2008 si era trovato, con vari maneggi, un accordo e l’1 dicembre 2009 entrava in vigore il Trattato di Lisbona cancellando il risultato del referendum. Questo nuovo Trattato modificava completamente quello sull’Unione Europea e il Trattato che istituiva la Comunità Europea. I cittadini europei e il loro voto democratico era stato completamente ignorato e superato.
La UE e in particolare i governi italiani che si sono succeduti, non importa di quale partito politico, hanno sottovalutato culturalmente e politicamente la questione extracomunitari, gli africani in particolare. L’enorme problema è stato affrontato male, in modo troppo superficiale, sottovalutando l’impatto con culture molto diverse e con almeno vent’anni di ritardo. Quale che sia la conclusione, presto o tardi saranno i cittadini a decidere democraticamente la sorte delle ottuse e arroganti oligarchie politico-economiche; è il naturale ciclo storico di rivalsa dei popoli inascoltati in paesi a sistema democratico.
Sulla vicenda del libero passaggio alle frontiere di extracomunitari o migranti, pesa un complicato groviglio di Accordi, Trattati, Convenzioni, tutti realizzati all’oscuro dei cittadini europei che protestando con ragione per l’improvvisa invasione a casa loro di questa povera gente, sono tacciati in modo scandaloso di populismo e xenofobia.
Le oligarchie e i magnati oramai padroni dell’Europa si sono trasformati in mercanti umani nel nuovo schiavismo di marchio europeo, pontificando la loro abbietta solidarietà quale opera benefica, supportati inoltre da un pontefice catto-comunista; un povero prete non in grado di svolgere a dovere la sua importante funzione politico-religiosa.
Il presidente italiano (o chi per lui) dell’INPS ha dichiarato apertamente al telegiornale che gli extracomunitari “sono indispensabili per le casse dell’INPS”, anche in questo caso senza spiegare il perché. Comunque emerge abbastanza chiaramente da parte del governo e dei suoi affiliati una sorta di disprezzo per gli italiani sempre menzionati nei loro discorsi; in realtà tutti gli sforzi sono mirati “all’affare extracomunitari”; un impegno preoccupante e pericoloso e gli italiani tutti devono stare molto attenti al prosieguo degli avvenimenti; stiamo perdendo la nostra cultura e la nostra storia, ed è quello che le oligarchie vogliono a tutti i costi. Ci stanno vendendo.
Molti anni fa, in un convegno sulla Letteratura della Negritudine, avevo conosciuto il prof. Lunanga; uno scrittore zairese molto attento ai problemi della nuova letteratura negroafricana. Egli mi aveva mostrato un interessante articolo da lui scritto nel 1987 sulla rivista SEGNI & FORME dal titolo ”Sulla Negritudine dopo una generazione letteraria”.
Scrive Lunanga: La Negritudine è stata e continua ad essere la ricerca dell’identità politico-socio-culturale dell’uomo di colore. La sua quintessenza straripa di così tanti valori da ricordare di continuo a ogni popolo la giusta lotta per i suoi diritti irrinunciabili. Questo problema non nasce da noi. Non è un’emanazione o un’invenzione del popolo nero. È invece un diritto universale uguale in tutto e per tutto a quello che ispirò la carta delle Nazioni Unite per il riconoscimento dei diritti dell’uomo. In questo contesto e fino a questo punto gli sforzi della Negritudine si sono rivelati lodevoli. Ma il nostro piccolo contributo, che si somma alle critiche già esistenti, studia in particolare il comportamento dei “padri” della Negritudine, lo mette a confronto con quello dei loro fratelli “non occidentali” e, per finire, riporta le conseguenze sorte sul piano letterario. “ Il negro sottoprodotto umano incosciente e tarato”, questa l’esclamazione del famoso poeta W.E.B. Du Bois in Le anime nere, a denuncia dello scandalo americano d’inizio secolo. E cosa dire di una crisi tra uomini in generale, uomini e basta, senza uno sguardo alla loro pelle? Leopold Sèdar Senghor e i suoi seguaci hanno combattuto questa battaglia a Parigi. Denunciare la situazione di oppressione dei neri, mendicanti, deboli, non umani e prendere coscienza del “proprio io” sono tutti atteggiamenti di sfida. Preso atto dell’esigenza in “questa” epoca di uscire allo scoperto ad ogni costo, i poeti di colore anno iniziato a condannare apertamente il comportamento ambiguo dell’occidente, la sua politica civilizzatrice, il suo piano di omogeneizzazione culturale, i pregiudizi per tanto tempo spacciati, in una sola parola; le ingiustizie legalizzate. Questo linguaggio è giunto a un punto tale da convincere il giovane poeta intellettuale nero a recuperare la sua uguaglianza col bianco. Tesi questa, senza dubbio condividibile, constatando chiaramente, ancora oggi, alla fine del secondo millenio, quanto l’uomo bianco si guardi bene dal considerare il nero pari a lui. Ora la nostra delusione è profonda perché, nonostante le grida lancinanti di ieri e più che mai di oggi, lo sfruttamento disumano guadagna ancora terreno.
La letteratura africana è sempre stata una letteratura impegnata. Una letteratura di battaglia, di un conflitto che chiede un sistema di abolizione di cose, la rivoluzione radicale, l’emancipazione. Senghor ha ben presentato il ritratto infantile ma severo del negro che deve tutti i giorni imparare dai suoi maestri. “Noi siamo- così diceva- dei grandi bambini”. E ci domandiamo ora se abbiamo forse finito di apprendere da questi maestri e se questi continueranno in eterno a considerarci dei “bambini”. Chi dunque ci darà questa risposta e quando? La Negritudine non può essere separata neppure dai fattori economici, politici e sociali. Cosi come forte è stata l’oppressione, dura oppressione, così non potrà che essere efficace l’azione. E queste voci non hanno mancato di attirare l’attenzione di qualche europeo. Sartre Frobenius ed altri, ad esempio, ne sono stati colpiti.
Il loro contributo non è certo passato inosservato. Molti esperti europei hanno così cercato di convincere l’opinione pubblica che il modello europeo, o comunque occidentale, non è l’unica via d’uscita.
Lo stesso comunismo ha avuto l’opportunità d’attirarsi l’attenzione e la simpatia dei popoli già colonizzati. Ci fu allora un’esplosione letteraria senza precedenti. Il popolo negro sciolse la sua lingua e parlò dicendo tutto ciò che aveva chiuso nel cuore. Le diramazioni raggiunsero tutti i filoni letterari; dalla poesia al romanzo, dal romanzo al teatro, dal teatro al saggio critico e via di seguito. Allora certi bianchi erano curiosi di sapere come si poteva esprimere una “scimmia”; la”scimmia così ne approfittò.
I padri della Negritudine non erano che un piccolo gruppo di giovani studenti emigrati. Con le radici del movimento potevano resistere, essendo i suoi germogli solo formati da una minoranza con un futuro politico. Finiti gli studi questi pionieri si sarebbero inevitabilmente seduti sui posti già occupati dai colonizzatori. E che ne sarebbe stato della realtà africana, forse che loro la conoscevano, forse che avrebbero saputo gestire il futuro dei loro popoli? Fu allora che nacque il nero dramma del continente nero, dramma cupo, dramma che ha la sua origine quando questi intellettuali, oramai non più africani prendono in mano le sorti dei loro paesi. E l’astuto colonizzatore da parte sua affida loro il potere volentieri, perché vede in loro traumi futuri ed incapacità ben note. Ed essi diventano delle pedine, dei burattini, delle semplici comparse.
Ci si accorse di sbagliare nel credere che l’elite era “ciò che vi è di meglio nella società africana”. Fu così che questi furono chiamati “maestri evoluti” e gli si attribuirono onorificenze quando, al contrario, erano loro i neri ignoranti, “i buoni stupidi”. Gli uomini dalla “pelle nera e la maschera bianca” di Fanon. Una cosa è certa; questi intellettuali “parigini” sarebbero vissuti meglio a Parigi che in un qualsiasi villaggio africano. L’esempio di Senghor è illuminante. Questo nostro saccente intellettuale infatti, è si africano ma certo solo di pelle e non di cultura. Così, da un lato, è respinto da chi l’ha formato e dall’altro, da chi lo deve formare. Doppiamente sradicato, questo intellettuale malato di corruzione è diventato talmente ibrido e spersonalizzato da invocare a gran voce una personalità. Ed è perciò che chi è privo d’identità, chi s’è perso e non sa ritrovarsi, chi non si conosce non potrà mai rivendicare qualcosa di valido. In definitiva, osserviamo ora, infatti, che il negro sfrutta il negro.
Questi prodotti europei hanno sempre rappresentato un grave pericolo per la promozione culturale dell’Africa. E come se non bastasse, si sentono pure investiti da debiti morali.
La letteratura africana è chiamata a un’etica imparziale che le assicuri un attivo sviluppo nel tempo e nello spazio. Bisogna così combattere non la razza bianca ma il gioco meschino europeo sullo sviluppo del Terzo Mondo del quale sono efficaci complici certe conoscenze africane. Alcune fra queste sono ancora quegli “intellettuali parigini” che parlavano con una tale povertà di sentimenti, solo per i vantaggi materiali cui aspiravano.
Finché si continuerà a sperare su un’elite prodotta in Europa, le sorti del continente nero saranno sempre più drammatiche. Un africano, preoccupato del suo sviluppo totale deve avere fiducia in se stesso. È dimostrato in modo chiaro e netto che non sono gli africani a essere venuti a sviluppare l’Europa; no di certo. Così non saranno neppure gli stranieri che verranno a risvegliare un’Africa sonnolenta, pigra e traditrice.
Riportiamo le nostre speranze nell’attuale fiorente generazione letteraria del Terzo Mondo.
Ma essa deve per forza parlare, se non vuole sparire, come ci ammonisce bene il congolese Sony Labou Tansi.
Una chiara, lucida analisi di Lunanga che precorre i tempi. Ci troviamo con l’UE confusa, divisa e un’Italia indebitata, con governi incapaci e senza idee, tanto meno sulla politica estera, che si accinge (da sola?) a fare che cosa per una nostra ex colonia quale la Libia? È un ricorso storico?
C.E.

Condividi questo articolo

© 2019 Il mio blog

Theme by Anders NorenUp ↑